FANDOM


Descrizione

Quotebg2
"La Casata Telvanni corrisponde al temperamento di mio fratello Sotha Sil - iconoclasta, profana, non convenzionale"
Vivec

La Casata Telvanni è una delle Grandi Casate di Morrowind.

Caratteristiche

Storicamente isolazionisti, mentre la maggior parte dei maghi-nobili Telvanni persegue la saggezza e la maestria in solitudine, alcuni membri ambiziosi della Casata hanno avuto un ruolo attivo nella colonizzazione di Vvardenfell durante la Terza Era, costruendo torri e basi lungo tutta la costa orientale. I Consiglieri Telvanni sull'isola vivevano in alte torri nelle città di Sadrith Mora, Tel Aruhn, Tel Vos, Tel Mora e Tel Branora. Nessuno di questi insediamenti era sulla rotta dei Silt Strider, e potevano essere raggiunti solo via acqua. Il Distretto Telvanni sulla terraferma occupava le terre a est della Provincia, e la città principale era Firewatch.

I Telvanni credono che la saggezza conferisca potere, e che il potere conferisca la ragione nelle contese. Lavorano di rado insieme alle altre Casate, come nel caso del contrasto al monopolio della Gilda dei Maghi sostenuto dalla Casata Hlaalu. Molti Telvanni sono conosciuti per essere negromanti, alcuni dei quali sono impazziti a seguito di questa malvagia pratica e i cui servitori sono sempre stati coinvolti in attività illecite. Ciò ha reso i Telvanni impopolari tra le altre Casate, situazione che probabilmente ha fatto loro piacere, considerando la loro natura diffidente e xenofoba. La Casata è stata la maggiore fonte di affari per quanto riguardava la tratta degli schiavi a Morrowind, e questo è valso loro un trattamento particolarmente brutale da parte degli Argoniani durante l'invasione della Provincia nella Quarta Era. Si riteneva che molti, se non la maggior parte, dei più anziani maghi Telvanni residenti sulle coste orientali di Morrowind, fossero vampiri o lich.

La Casata è sempre stata spaventosamente ricca. Alcuni resoconti affermano che negli ultimi anni della Terza Era la ricchezza totale dei Telvanni rivaleggiasse con la Tesoreria Imperiale. La maggior parte di questa influenza economica, tuttavia, veniva mitigata dal fatto che molti Telvanni prosciugavano le proprie casse con infiniti battibecchi e scaramucce interne. Si hanno notizie di intere città passate ripetutamente di mano fra due o più maghi-nobili Telvanni, e di lagnanze e dispute minori che, nel tempo, sono diventate guerre sanguinose. Solitamente, ai cittadini delle regioni controllate dai Telvanni non importava molto della politica interna della Grande Casata, come astratte vendette tra alti e mai visti plutocrati e le loro legioni di mercenari. Questi argomenti non interrompevano quasi mai la vita dei comuni agricoltori Dunmer. Alcune eccezioni degne di nota hanno visto signori Telvanni massacrare i servi della gleba nemici per stroncare l'assetto economico dell'avversario. La Casata aveva, tuttavia, molti efficaci metodi per "cancellare" questi eventi quando le proteste pubbliche diventavano troppo numerose. Inoltre, buona parte delle ricchezze dei Telvanni venivano sprecate in lussi edonistici, stravaganti e non necessari.

Contrariamente ad altre organizzazioni di Tamriel, i Telvanni non hanno mai stabilito stretti legami fra loro, dando il massimo valore alla propria privacy e indipendenza. L'appartenenza alla Casata ha poca importanza per i suoi membri. L'unica regola accettata è l'assenza di regole. I Telvanni lo spiegano così: "Se rubi a un altro Telvanni ma rimani vivo significa che chiaramente meriti quanto hai rubato. Uccidere i tuoi avversari con magie e tradimenti è il modo abituale per risolvere le dispute. Se vinci, chiaramente hai ragione. Puoi venire espulso come avviene nelle altre Casate, ma alla maggior parte dei Telvanni, sempre che lo sappiano, non interessa". Il sistema amministrativo dei Telvanni è solo formale, e la Casata serve solo per discutere gli interessi comuni e condividere le risorse magiche. la maggior parte dei maghi-nobili Telvanni detesta la Gilda dei Maghi, considerandola un'organizzazione popolare piena di elementi senza talento, vecchi impotenti e prestigiatori abili solo in economici trucchi da salotto.

Architettura Telvanni

Quotebg2
"I maestri maghi della Casata Telvanni costruiscono le proprie case da spore fungali, usando metodi segreti noti solo a loro"
The Elder Scrolls V: Dragonborn
L'architettura Telvanni è dominata dalle torri dei maghi, fantastiche forme organiche coltivate e scolpite da steli, cappucci e radici di giganteschi funghi. I villaggi Telvanni sono costituiti da piccoli baccelli fungali destinati ad artigiani e contadini. I mercati scoperti spesso includono enormi gabbie contenenti gli schiavi in vendita.

I Telvanni preferiscono costruire le loro torri senza scale, obbligando i visitatori a utilizzare la levitazione. Questo non solo garantisce loro maggiore solitudine, ma funge anche da test per valutare se i visitatori sono sufficientemente degni.

Capitali dei Telvanni

La Casata ha due capitali: Sadrith Mora su Vvardenfell e Port Telvannis, situato sulle Isole Telvanni nell'Oceano Padomaico, a nordest di Morrowind.

Terza Era

Durante la Terza Era, la Casata Telvanni elaborò un piano di pacifica colonizzazione di tutte le regioni disabitate di Vvardenfell nel loro metodo tradizionale. Ogni grande progetto di costruzione su Vvardenfell necessitava del consenso del Duca di Ebonheart, particolarmente difficile da ottenere, soprattutto da parte di organizzazioni non espressamente amiche dell'Impero. I Telvanni, tuttavia, non avevano alcuna paura né rispetto per la Legge Imperiale, e periodicamente i membri della Casata più giovani venivano inviati, spesso supportati da gruppi di schiavi, a costruire le proprie torri nelle regioni più remote di Vvardenfell, senza chiedere né informare nessuno. Secondo il piano della Casata, le torri si sarebbero sviluppate in cittadine, e le terre di Vvardenfell sarebbero progressivamente passate de facto sotto il loro controllo. Quasi tutti i Telvanni erano potenti e benestanti maghi, capaci di proteggersi dalla legge, ma questo tipo di espansionismo aggressivo divenne un pericolo per le altre Grandi Casate. La conseguenza furono ripetuti raid delle diverse Casate contro gli insediamenti Telvanni meno difesi.

Quarta Era

L'eruzione della Montagna Rossa nella Quarta Era distrusse la maggior parte degli insediamenti Telvanni su Vvardenfell nonché alcuni sul continente. Secondo Lymdrenn Telvanni, la fine della Casata Telvanni giunse poco dopo l'Anno Rosso, quando gli Argoniani invasero Morrowind per vendicare i secoli in cui erano stati schiavi dei Dunmer. Come racconta nel suo diario, essendo i piu grandi schiavisti della Provincia, i Telvanni subirono un trattamento particolarmente crudele e spietato da parte degli invasori. Questo genocidio fu così grande che nel 4E 201, Brand-Shei, figlio di Lymdrenn, e Brelyna Maryon sono gli unici membri noti della Casata in tutta Skyrim.

In The Elder Scrolls V: Dragonborn è spiegato come alcuni membri della Casata Telvanni si siano stabiliti sull'isola di Solstheim guidati da Neloth (presente anche in The Elder Scrolls III: Morrowind). Ciò contraddice quanto riferito da Lymdrenn Telvanni quando afferma che la Casata è stata distrutta. Neloth afferma inoltre che i Telvanni hanno ancora i loro possedimenti, contraddicendolo nuovamente. Sembra che Lymdrenn abbia dato per scontato che la Casata sia stata distrutta durante l'invasione iniziale, e che grazie all'eccezionale potenza economica e magica i Telvanni siano riusciti a mantenere stabilmente sotto controllo i loro territori.

Curiosità

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.