FANDOM


Chiave Scheletro Skyrim

La Chiave dello Scheletro come appare in The Elder Scrolls V: Skyrim.

La Chiave dello Scheletro è un artefatto creato dal Principe Daedrico Nocturnal.

DescrizioneModifica

Nell'aspetto, non assume sempre la forma di una chiave, mostandosi talvolta come un grimaldello. Nella sua forma a chiave può essere usata per aprire ogni lucchetto. Come grimaldello, è praticamente indistruttibile e può forzare anche le serrature più difficili. I maghi posero due limitazioni sulla Chiave, nel tentativo di proteggere i propri magazzini: avrebbe potuto essere usata una sola volta al giorno e non avrebbe mai dovuto rimanere in possesso dello stesso ladro per troppo tempo, a costo di scomparire. L'artefatto consiste in uno strumento capace di "sbloccare" ogni cosa, inclusi portali, potenziali nascosti e altre ignote possibilità. La sua funzione ultima, però, è di aprire e mantenere aperto l'Ebonmere, il portale per il reame di Nocturnal, Crepuscolo Perenne, situato nel Sepolcro del Crepuscolo, a Skyrim. Il compito dei Nightingale è di sorvegliare il Sepolcro e recuperare la Chiave nel caso venisse rubata. Sfortunatamente, si dice che il Daedra permetta, di proposito o per noia, che la Chiave venga periodicamente rubata o perduta.

Il primo possessore noto della Chiave fu il ladro Arrovan. Dopo ogni scomparsa, la Chiave sceglieva sempre posti inaccessibili per nascondersi, e a beneficio degli storici, Arrovan stilò una lista di questi luoghi. A metà della Seconda Era, la Chiave entrò in possesso di Sotha Sil, che la portò a Clockwork City. Dopo che l'artefatto venne usato da Nocturnal in un tentativo di sottomettere la città, Sotha Sil lo consegnò al mago Telvanni Divayth Fyr, perché la tenesse al sicuro. La Chiave venne scoperta a Valenwood o nelle Isole Summerset (i resoconti differiscono) dal Campione Eterno durante il Simulacro Imperiale, a seguito di notizie che annunciavano la sua riapparizione. Negli eventi che porteranno alla Curvatura Occidentale, un ignoto agente delle Blade venne assoldato da Nocturnal perché uccidesse uno stregone. In cambio, gli venne consegnata la Chiave da un adoratore del Daedra. In seguito, la Chiave cadde nelle mani del Gentiluomo Jim Stacey, capo della Gilda dei Ladri di Vvardenfell. L'artefatto passò al Nerevarine nel 3E 427, ma non è chiaro come Stacey lo perse: alcuni dicono in cambio dell'assassinio di Sjoring Cuore Duro, Maestro della Gilda dei Guerrieri di Vivec, mentre altri asseriscono chel'eroe se ne impossessò con la forza.

Intorno al 3E 433, un artefatto chiamato Occhio di Nocturnal venne rubato dal Santuario di Nocturnal nella regione di Blackwood, a Cyrodiil. Il Daedra incaricò il Campione di Cyrodiil di recuperarlo. I ladri, una coppia di Argoniani di Leyawiin, l'avevano nascosto in una caverna sommersa nella Baia di Topal. Il Campione riportò l'Occhio a Nocturnal, e venne ricompensato con la Chiave dello Scheletro.

Poco tempo prima del 4E 201, la Chiave venne rubata dal Sepolcro del Crepuscolo da Mercer Frey, un Nightingale corrotto. La perdita della Chiave per così tanto tempo portò al declino della sezione di Skyrim della Gilda dei Ladri, colpita da continue sfortune a causa del mancato sostegno di Nocturnal. L'influenza della Gilda decrebbe tanto che rimasero solo pochi membri, annidatisi nel Ratway, un sistema di tunnel sotto la città di Riften. Mercer usò la Chiave per portare fortuna a sé stesso, ma venne affrontato dai Nightingale ai piedi della Grande Statua di Irkngthand. Mercer venne ucciso, e l'Ultimo Sangue di Drago riportò la Chiave al Sepolcro, spalancando nuovamente l'Ebonmere.

Possessori conosciutiModifica

Nel giocoModifica

GalleriaModifica

ApparizioniModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.