FANDOM



Quotebg2
"Hermaeus Mora è il Principe Daedrico del destino, della conoscenza e della memoria. Nelle sue rare interazioni con i mortali, spesso sceglie di apparire come una grottesca massa di tentacoli."
―Schermata di caricamento di Skyrim[src]
Hermaeus Mora, noto anche come Hoermius, Hormaius, Hermorah, Herma-Mora (dagli Skaal), l'Uomo dei Boschi (dai Nedic) e Coltivatore dell'Uomo, è il Principe Daedrico della Conoscenza e della Memoria; la sua sfera di dominio comprende la divinazione delle maree del Fato, del presente e del futuro e la lettura dei cieli e delle stelle. Non è conosciuto per essere buono o cattivo; sembra essere il custode della conoscenza sia utile che distruttiva, e di solito vede tutti i ricercatori di qualsiasi conoscenza come suoi servi.

DescrizioneModifica

È vagamente collegato alle origini del culto dei Morag Tong, poiché Mephala viene considerata sua sorella. Gli Skaal lo chiamano anche "Demone della Conoscenza", dal momento che è custode di una conoscenza che può portare alla pazzia (anche se Miraak e il Sangue di Drago ne sono immuni).

Le forme che sembra preferire per manifestarsi ai mortali sono un vuoto oscuro e una grottesca massa di tentacoli con un enorme occhio al centro e altri piccoli occhi vicino ai tentacoli che compaiono e scompaiono di continuo.

Come riportato in Le Porte di Oblivion, Hermaeus Mora è il signore del regno della conoscenza proibita, Apocrypha, una libreria infinita con scaffalature che si estendono in ogni direzione e impilate l'una sull'altra. Ogni libro in esse riposto ha la copertina nera senza alcun titolo sopra. Folle di fantasmi si muovono fra gli scaffali, frugando fra i libri, alla ricerca eterna di quella conoscenza che hanno solo intravisto durante la loro vita.

InvocazioneModifica

250px-Hermaeus Mora's Shrine

Il Santuario di Hermaeus Mora a Cyrodiil

Hermaeus Mora può essere evocato il 5° giorno del Primo Seme. Il Santuario di Hermaeus Mora si trova su un altopiano remoto nella parte nord-occidentale dei Monti Jerall, la catena montuosa che divide Cyrodiil da Skyrim (probabilmente perché è all'interno del Pantheon di Skyrim, quindi è più vicino a dove è adorato). L'Eroe di Kvatch si reca in questo luogo per ottenere l'Oghma Infinium.

Storia Modifica

La testimonianza più antica della presenza di Hermaeus Mora su Nirn risale all'Era Meretica; Herma-Mora, infatti, era il nome di un antico demone di Atmora, il mitico continente settentrionale da cui provennero i primi Nord. Si dice che Herma-Mora sedusse gli Atmorani e cercò di convincerli a diventare Aldmer, complotto che venne sventato dal leggendario eroe Ysgramor.

Durante il periodo di tempo in cui i draghi regnavano sui mortali, un Sacerdote del Drago dell'isola di Solstheim chiamato Miraak entrò in possesso di un Libro Nero che lo portò ad Apocrypha, davanti ad Hermaeus Mora stesso. Mora insegnò a Miraak un Thu'um in grado di sottomettere i draghi al volere di chi lo usa, e con questa conoscenza nelle sue mani Miraak si ribellò ai suoi signori draghi. Hermaeus Mora salvò Miraak quando la sua ribellione non ebbe successo, trasportandolo ad Apocrypha e rendendolo un suo servitore. Miraak servì il Principe Daedrico da quel giorno in poi, tramando però di tradirlo un giorno e tornare a Tamriel.

Nel 4E 201, quando Miraak ebbe ottenuto abbastanza potere per ribellarsi anche a lui e tornare a Solstheim, Hermaeus Mora diede la stessa conoscenza all'ultimo Sangue di Drago, in modo che potesse sconfiggerlo.

ArtefattiModifica

TESV Oghma Infinium

L'Oghma Infinium come appare in Skyrim

Oghma Infinium Modifica

Vedi anche: Oghma Infinium
Artefatto tipico di Hermaeus Mora, che può essere ottenuto completando le queste daedriche a lui associate, L'Oghma Infinium è un antico tomo di conoscenza, la quale è stata infusa dal suo autore, Xarxes, scriba di Auri-El, proprio per mezzo di Hermaeus Mora, e successivamente venne trasmessa anche a Mehrunes Dagon, che la utilizzò per scrivere il Mysterium Xarxes. Nei vari capitoli di The Elder Scroll, leggere il libro consiste in un bonus di 5 livelli per il lettore, ottenuti in base al cammino scelto.

Libri Neri Modifica

Insieme all'Oghma Infinium costituiscono l'artefatto più conosciuto di Hermaeus Mora. I Libri Neri non sono libri normali: quando vengono letti trasportano il lettore ad Apocrypha se si trova a Solstheim, luogo in cui torna leggendo di nuovo il libro oppure leggendo il capitolo finale. I libri contengono una conoscenza nascosta che, una volta letta, garantisce al lettore poteri a sua scelta, oltre che la possibilità di distribuire nuovamente i punti ai perk in cambio di un'anima di drago per ogni abilità da resettare data dal libro nero Sogni ad occhi aperti.

Curiosità Modifica

  • Hermaeus Mora viene spesso associato al legno e agli alberi; nei miti Nedic (i progenitori dei Nord) è conosciuto infatti come “Uomo dei Boschi”, ossia colui che cattura gli abitanti dei villaggi che si sono persi nei boschi. In lingua elfica, “Mora” significa perlappunto “legno”, “bosco” o “albero”.
  • Diversi aspetti di Hermaeus Mora richiamano ad elementi presenti nell'horror lovecraftiano; in particolare, la sua forma tentacolare, che ricorda varie divinità dei Miti di Cthulhu di Lovecraft, e il fatto che possegga una conoscenza proibita capace di portare un uomo alla pazzia.
  • Se il DLC Dragonborn è stato installato, apparirà durante la missione "Discernimento Trascendentale" come una massa di tentacoli invece che come Empio Abisso, nonostante continui ad essere visualizzato come tale.
  • Hermaeus Mora condivide alcuni tratti con il Dio Anziano dell'universo di Legacy of Kain, in quanto entrambi, oltre ad essere divinità, condividono le stesse caratteristiche: corpi tentacolari, onnipresenza, numerosi bulbi oculari con iridi a forma di otto, servitori mostruosi e il possedere immensa conoscenza e controllo sul destino.

GalleriaModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.