FANDOM


DescrizioneModifica

Hjalmarch

Lo Hjaalmarch è uno dei feudi più poveri di Skyrim oltre che il meno popolato. All'inizio della Guerra civile è governato dallo Jarl Idgrod, che è leale all'Impero.

Caratteristiche Modifica

Situato tra l'Haafingar e il Pale, lo Hjaalmarch è un'enorme distesa di malsane paludi e profondi acquitrini popolati di animali selvaggi, spesso pericolosi, e ricoperto perennemente da una fitta nebbia che contribuisce a rendere l'atmosfera del feudo particolarmente spettrale e poco attraente.

Insediamenti Modifica

La popolazione del feudo è assai scarsa e si concentra soprattutto nella capitale Morthal, che è poco più di un villaggio, e la miniera di Rockwallow anche se può capitare di imbattersi in qualche cacciatore isolato all'interno delle paludi. L'unica grande costruzione presente nel feudo, oltre alla casa dello Jarl, è il Forte di Snowhawk, che inizialmente sarà occupato da un numeroso gruppo di negromanti esperti nelle magie di distruzione, poi diventerà un obbiettivo per i Manto della Tempesta, che intendono conquistare il feudo.

Risorse Modifica

Lo Hjaalmarch non è particolarmente ricco di risorse, salvo la miniera di Rockwallow, che però non appartiene al feudo ma ad un ufficiale della Legione Imperiale. Pur possedendo uno sbocco sul mare il feudo è privo di porti, quindi è tagliato fuori dai commerci. L'unica risorsa degna di nota sembra essere quindi il legname, che cresce abbondante nelle paludi e viene lavorato dalla segheria di Morthal. Probabilmente gli abitanti si dedicano anche alla pesca e alla raccolta delle erbe speciali che crescono numerose nelle paludi.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.