FANDOM



Khenarthi è la dea Khajiiti del Cielo e dei Venti.

Descrizione

Secondo il libro Le parole della madre del Clan Ahnissi, Ahnurr e Fadomai diedero alla luce Khenarthi, i Venti, e Ahnurr disse: "Khenarthi, a te diamo il Cielo, perché cosa può volare più in alto del vento?". Ma Khenarthi si recò da Fadomai e disse: "Madre-Fadomai, Khenarthi cresce così sola in alto sopra il mondo, ove neanche mio fratello Alkosh può volare". Fadomai ebbe pietà di lei, e ingannò Ahnurr per farsi mettere nuovamente incinta Dunque, Fadomai diede alla luce le Lune e i loro Moti, Nirni, le maestose sabbie e le foreste lussureggianti, e Azurah, il tramonto e l'alba. Quando Fadomai si accorse che il suo tempo era vicino disse ad Azura: "I Khajiiti dovranno essere i migliori arrampicatori, poiché se Masser e Secunda dovessero uscire dal proprio percorso, essi dovranno scalare il respiro di Khenarthi per riportare le lune al proprio posto".

Khenarthi potrebbe essere una variante della dea cyrodiilica e bretone Kynareth, Dea dell'Aria, la più forte tra gli spiriti del Cielo e membro dei Nove Divini.

Culto

Poco si sa del culto di Kynareth. Viene abitualmente rappresentata come un grande falco, ed è riverita in particolar modo da marinai e contadini.

Quando i Khajiiti meritevoli (i "veri gatti") muoiono, Khenarthi guida le loro anime alle Sabbie Dietro le Stelle, il paradiso del popolo felino.

Curiosità

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.