FANDOM



Quotebg2
"Ascoltami! Ascoltami e obbedisci! Una malvagia oscurità è penetrata nel mio tempio, un'oscurità che tu distruggerai. Riporta la mia fonte di luce al monte Kilkreath. E io farò di te il messaggero della mia luce purificatrice."
―Meridia[src]
Meridia è il Principe Daedrico della Vita e Signora dell'Energia Infinita. È uno dei Principi Daedrici più misteriosi agli occhi dei mortali, dal momento che si conosce poco su di lei, ma pare essere uno dei pochi Daedra a non essere considerato malvagio. Può essere evocata il 13° giorno della Stella del Mattino o presso il suo santuario attraverso l'offerta di qualcosa appartenuto a una creatura non-morta.

I domini di Meridia nell'Oblivion sono collettivamente noti come Stanze Colorate.

DescrizioneModifica

Meridia appare spesso nella forma di una bellissima donna e così viene rappresentata nei santuari a lei dedicati. Prova un'infinita repulsione per tutte le cose e le creature non-morte e trae grande piacere dai mortali che impiegano la propria vita a epurare il mondo dai Negromanti e dai non-morti che hanno manomesso i flussi di energia vitale di cui lei è la signora. Anche per questa avversione alle cose ripugnanti e la sua voglia di epurare il mondo da queste è considerata una dei Principi Daedrici più benevoli.

Storia Modifica

Durante l'Era dell'Alba Meridia era conosciuta come Merid-Nunda, un Aedra. Dopo la scoperta delle reali intenzioni di Lorkhan, Merid-Nunda lasciò il Mundus seguendo Magnus e diventò una dei Magna Ge. Tuttavia, la sua abitudine di frequentare i Daedra le costò cara, dal momento che venne espulsa e diventò Meridia, il Principe Daedrico che conosciamo.

Durante la Prima Era, Meridia fece un patto con gli Ayleid e li aiutò coi propri Auroran per combattere la ribellione di Sant'Alessia. Il Campione degli Ayleid, Umaril l'Invincibile, legò la propria forza vitale al regno di Meridia, ottenendo un'immortalità simile a quella dei Daedra e facendo sì che, qualora venisse ucciso nel Mundus, il suo spirito fluttuasse nelle Acque dell'Oblivion e finisse nel regno di Meridia, dove avrebbe potuto ottenere un nuovo corpo.

Meridia si scontrò anche con Molag Bal, che assediò, durante uno di questi conflitti, una città abitata dai suoi seguaci aprendo vari portali per Coldharbour fuori dalle sue mura. Meridia allora usò alcuni dei suoi artefatti, noti come le Luci di Meridia, sulla città, per trasportarla a Coldharbour attraverso i portali aperti da Bal. Tale città divenne nota come "la Città Cava", un paradiso sicuro nel quale Molag Bal non poteva vedere o agire. Meridia aprì le porte delle Città Cava nel 2E 582, quando il Senz'Anima, aiutato da Vanus Galerion e dalle gilde dei Maghi e dei Guerrieri, entrò in forze a Coldharbour per impedire la Fusione dei Piani. Durante l'assalto al Vortice Planare, Meridia in persona affrontò Molag Bal, permettendo a Vanus di far collassare il Vortice Planare tra Mundus e Coldharbour e sventando così la fusione.

Quando il Senz'Anima riuscì infine a sconfiggere Molag Bal, Meridia lo trasportò nelle Stanze Colorate, il suo regno nell'Oblivion, dove lo fece riunire con la propria anima. Anche Molag Bal apparve e parlò con loro, ma Meridia gli intimò di lasciare il suo regno, cosa che questi fece dopo un'ultima derisione. Meridia si congratulò quindi con il Senz'Anima per il successo ottenuto, prima di rimandarlo finalmente a Tamriel.

Nell'anno 433 3E Meridia appare a Cyrodiil, convocando l'Eroe di Kvatch affinché liberi per lei una certa caverna da un gruppo di negromanti e dalle loro creature non-morte. Un volta portata a termine la missione per Meridia, questa consegna all'eroe il proprio artefatto, l'Anello dei Khajiit.

Durante la Guerra Civile di Skyrim Meridia appare al Sangue di Drago presso il suo santuario sul monte Kilkreath, nei pressi di Solitude. Ella chiederà al giocatore di liberare il proprio santuario dal Negromante Malkoran, che si è barricato al suo interno e ora conduce esperimenti sui cadaveri delle vittime della guerra. Una volta portata a termine la missione, Meridia consegnerà al Sangue di Drago il proprio Artefatto: la spada Frangialba.

Artefatti di Meridia Modifica

Dawnbreaker-0

Frangialba in Skyrim

Come gli altri Principi Daedrici Meridia potrà consegnare al proprio campione degli artefatti che concedono a color che li possiede certi vantaggi.

Frangialba Modifica

Vedi anche: Frangialba

Frangialba è l'artefatto tipico di Meridia, che può essere ottenuto completando le quest daedriche a lei associate. È una spada molto potente, che provoca dai 10 ai 15 punti di danno da fuoco un'esplosione quando si uccide un non-morto che mette in fuga o uccide tutti i non-morti intorno al giocatore.

Anello dei Khajiit Modifica

RingOfKhajiiti

L'Anello dei Khajiit in Oblivion

Artefatto che in Daggerfall e in Oblivion viene attribuito a Meridia. Si tratta di un'antica reliquia daedrica che vanta tra i suoi indossatori Rajhin, famoso e abile ladro Khajiit che usò il suo potere per rendersi invisibile e veloce come il vento, diventando così il ladro che ha avuto più successo in tutta la storia di Elsweyr. Non si sa cosa successe in seguito a Rajhin, ma per i troppi utilizzi l'anello scomparve. Concede a chi lo indossa +35% di furtività e +10 punti di velocità. In Arena e in Morrowind, questo stesso artefatto viene attribuito a Mephala.

CuriositàModifica

  • Meridia accetterà i servigi del giocatore e lo ricompenserà con i suoi artefatti anche se quest'ultimo è un vampiro.
  • Meridia è doppiata da Jean Gilpin in The Elder Scrolls V: Skyrim, la quale presta la propria voce anche a Elenwen, Boethiah e Meredith di Dragon Age 2.

Galleria Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.