FANDOM



Quotebg2
"Prima che Ysgramor guidasse il popolo Nord a sud, i nostri antenati prosperavano nel continente ghiacciato di Atmora, mentre oggi preferiscono il rigido clima del Tamriel settentrionale. Gli Elfi scuri abitano Morrowind, un'aspra terra di cenere scossa da continui terremoti. Gli Argoniani sopravvivono nelle infide e impenetrabili profondità di Black Marsh. L'alleanza tra le nostre razze nacque in tempi bui, quando Nord, Dunmer e i liberi Argoniani combatterono come uno solo per respingere l'invasione degli Akaviri schiavizzatori. La nostra più grande forza è stata le difficoltà che abbiamo superato. La nostra risolutezza è glaciale, la nostra potenza è forgiata nel fuoco, il nostro coraggio è coltivato dalle bestie della giungla. Siamo Ebonheart. Siamo come uno solo. E per questo la nostra vittoria è assicurata."
―Sangue per il Patto!, Jorunn il Re Skald[src]

Il Patto di Ebonheart è una delle tre Alleanze all'epoca della Guerra delle Tre Bandiere. I suoi colori sono rosso e nero.

La località di partenza per questa fazione è l'Isola di Bleakrock, a Skyrim, ove il Vestige si sveglia dopo esservi stato portato dalle onde in seguito alla fuga dalla Prigione del Lamento di Coldharbour. Per le missioni relative a questa fazione, vedi Missioni del Patto di Ebonheart.

DescrizioneModifica

Il Patto di Ebonheart fu un'alleanza tanto fragile politicamente quanto potente militarmente tra i popoli di Skyrim, Morrowind e Black Marsh. Venne sottoscritta nel 2E 572, durante l'infuriare della Seconda Invasione Akaviri.

Ebonheart uniti

I membri del Patto di Ebonheart

Le tensioni serpeggiavano in profondità fra gli improbabili alleati, costretti all'unità dal costante pericolo di Molag Bal e delle altre coalizioni. Gli austeri e magicamente dotati Dunmer di Morrowind si univano agli ex schiavi Argoniani, i rettili della misteriosa Black Marsh, e ai chiassosi Nord di Skyrim in un difficile tentativo di ottenere la supremazia sul continente.

Fondato nel corso dell'Invasione Akaviri del 2E 572, il territorio del Patto di Ebonheart si estendeva sulle province di Skyrim, Morrowind e Black Marsh all'apice del suo potere. La capitale era la città di Mournhold, sita nell'entroterra di Morrowind, patria dei Dunmer, sebbene il leader fosse un nobile Nord noto come Jorunn il Re Skald.

Forse l'alleanza più instabile sul piano politico quanto più potente su quello militare della storia di Tamriel, le tre culture che costituivano il Patto nutrivano una grande diffidenza reciproca, rimanendo unite solo al fine di sconfiggere l'Impero e preservare l'indipendenza delle proprie terre.

Dopo aver saccheggiato Windhelm e aver sterminato la famiglia reale di Skyrim, gli Akaviri iniziarono la marcia verso sud in direzione di Riften. Afflitto e disperato, Jorunn, ora Re dei Re, si rivolse ai Barbagrigia per chiedere consiglio. I saggi ascoltarono la sua preghiera, e richiamarono da Sovngarde Wulfharth, il Re di Cenere, per assisterlo. Ispirata da Wulfharth, l'armata di Nord di Jorunn si preparò ad affrontare gli invasori Akaviri in campo aperto.

Patto di Ebonheart mappa

Mappa del Patto di Ebonheart (in rosso) sulla cartina di Tamriel

Riconoscendo nei Nord la principale minaccia per la loro spedizione a Tamriel, gli Akaviri scelsero di evitare un ulteriore scontro, marciando direttamente su Morrowind nella speranza che, una volta usciti dai confini di Skyrim, i Nord avrebbero smesso di inseguirli. Gli uomini di Jorunn incalzarono gli Akaviri attraverso i Monti Velothi e forzandoli ad entrare a Morrowind. L'armata degli invasori venne affrontata da un'armata di Dunmer guidata dalla dea del Tribunale Almalexia nella regione di Stonefalls, poco lontano da Ebonheart. Appena dopo aver attaccato i Dunmer, gli Akaviri vennero assaliti alle spalle dalle forze Nord, rimanendo tuttavia in una posizione di vantaggio. All'improvviso, da sud sopraggiunse un'armata Argoniana. Era guidata da Heita-Meen, una femmina che aveva visto la battaglia settimane prima, in un sogno, grazie al potere degli Hist, ed aveva assemblato un esercito per incontrare i contendenti. Attaccati da tre parti, gli Akaviri vennero spinti a nord, verso il mare. Quicaddero sotto i colpi degli alleati o affogarono tra le onde. Questa straordinaria vittoria ebbe un ruolo crociale nella creazione del Patto di Ebonheart.

A seguito della sconfitta degli Akaviri, Nord, Dunmer e Argoniani formarono la Grande Assemblea. Da allora, le tre culture combatteranno come un esercito unico, riuscendo infine a respingere l'intera invasione Akaviri.

Nel 2E 579, delle tre Alleanze, il territorio controllato dal Patto di Ebonheart è il più vasto.

LeadershipModifica

Grande Assemblea Skuldafn

La Grande Assemblea di Skuldafn

Nonostante i poteri divini del Tribunale dei Dunmer, la fazione era guidata dal Re dei Re di Skyrim. Tuttavia, il suo comando non era assoluto. Per venire approvate, tutte le decisioni governative dovevano essere portate e discusse nella Grande Assemblea.

La Grande Assemblea era composta di tre membri:

Quando la Grande Assemblea si riunì a Skuldafn dopo la vittoria del Patto sulle forze di Fildgor Orcthane, ogni membro presentò un oggetto di potere prima della riunione. Jorunn presentò la Corona di Freydis, Yeveth Noramil portò il Giudizio di Veloth ed Occhi-di-Acciaio l'Uovo Mnemico.

I seguenti sono i discorsi dei capi all'inizio dell'Assemblea di Skuldafn:

  • Re Jorunn: "Stimati alleati, mi ergo di fronte ai miei antenati, in questo sacro santuario draconico, per stringere il nostro Patto per il bene superiore".
  • Occhi-di-Acciaio: "Mi ergo su questa montagna per dimostrare da quanto lontano gli Argoniani sono venuti dalle paludi di Black Marsh. In nome del mio popolo, aggiungo la mia voce per stringere il Patto di Ebonheart".
  • Generale Noramil: "Io rappresento i Dunmer ed il Tribunale. Mi ergo su questa roccia ghiacciata per affermare il nostro posto nel Patto di Ebonheart. Spero ardentemente che potremo fare in fretta, perché qui si gela".
  • Re Jorunn: "I Nord offrono la Corona di Freydis. Questo simbolo di potere e saggezza fornisce al Patto la forza e l'autorità dei nostri antenati Nord".
  • Generale Noramil: "I Dunmer offrono il Giudizio di Veloth, un artefatto di antica magia. Questo fornisce al Patto le nostre abilità e la benedizione del Tribunale".
  • Occhi-di-Acciaio: "Gli Argoniani offrono l'Uovo Mnemico, sacro simbolo di nascita e vita, per fornire al Patto la saggezza e le memorie degli Hist. Con queste offerte il Patto è siglato. Che le nostre nazioni divengano una!"
  • Generale Noramil: "Inoltre, i Dunmer chiedono un leader solo per mantenere unito il Patto. Noi crediamo che questo onore spetti a Jorunn il Re Skald".
  • Re Jorunn: "Che i nostri nemici tremino di fronte alle nostre forze combinate. Accetto il ruolo di Re dei Re del Patto di Ebonheart. Abbiamo molto di cui discutere qui. Prego, Campione, torna a Jorunn's Stand e informa mio figlio di cosa è avvenuto qui".

Jorunn il Re Skald era noto per essere divertente e ispiratore, ma anche dotato di una volontà di ferro. Nonostante la sede del potere di Skyrim fosse la città di Windhelm, Jorunn passò molto del suo tempo a Mournhold, ove il resto dell'Assemblea era rappresentato.

MembriModifica

NordModifica

Stemma Nord

La razza alla guida del Patto di Ebonheart. Sono noti per essere grandi conquistatori: i Nord spezzarono il dominio degli Ayleid, cacciarono gli Elfi della neve da Skyrim, riuscirono quasi a eliminare gli Altmer da High Rock e governarono la maggior parte di Morrowind prima dell'arrivo dei Dunmer.

Ritengono di essere destinati a governare Tamriel. Sono i guerrieri più audaci del continente, e fronteggiano il nemico con impareggiabile ferocia e coraggio

Il loro simbolo sono i Drago, i grandi figli alati di Akatosh originariamente adorati dai Nord e primi utilizzatori del Thu'um, la più grande arma di distruzione della storia Nord.

DunmerModifica

Stemma Dunmer

Noti per la loro abilità nella diplomazia, nel sotterfugio e nella strategia, i Dunmer hanno una lunga storia di difese da numerosi invasori. Condividono una paranoia collettiva, e la loro cultura abbraccia questo stato mentale. Sono guidati dagli dei viventi del Tribunale.

Non tutti i Dunmer accettano di combattere al fianco degli odiati Argoniani per l'interesse del Patto di Ebonheart, primi fra tutti i membri della Casata Telvanni. Lo stemma Dunmer simboleggia i tre elementi del Tribunale.

ArgonianiModifica

Stemma Argoniano

Famosi per il loro impiego della guerriglia nei conflitti, gli Argoniani hanno sofferto anni di servitù sotto i Dunmer. Dopo essere stati liberati dalla schiavitù, la loro esperienza li ha resi abili nella difesa dei propri confini contro forze molto più potenti.

Noti per la propria abilità nel sopravvivere sott'acqua e nutrendosi di rifiuti, gli Argoniani sono le guide e gli schermagliatori del Patto.

GalleriaModifica

Vedi ancheModifica

ApparizioniModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.