FANDOM




Articolo principale: Libri (Skyrim)

Per altri usi, vedi Riflessioni sulle Antiche Pergamene

Quotebg2
"Non aspettarti troppo; sono per lo più bugie fermentate con voci e congetture"."
Urag gro-Shub[src]

Septimus Signus scrisse questo libro dopo aver letto e studiato per un po' di tempo le Antiche Pergamene. A causa della prosa oscura e poetica e delle analisi totalmente non scientifiche riguardanti le Pergamene, il testo è molto controverso.

PosizioniModifica

MissioniModifica

ContenutoModifica

Riflessioni sulle Antiche Pergamene - di Septimus Signus, Accademia di Winterhold

Immagina di vivere sotto le onde, forte di una potente benedizione intessuta in ottimo tessuto. Mantenendola sopra i polmoni, inizieresti a respirare e bere questa trama. Mentre le fibre del manto nutrono la tua anima, il malefico plancton contamina il manto, fino a privarlo del suo potere profetico. Questo è il modo in cui le prime Pergamene sono state tramandate: ma siamo noi il mare, colui che respira o il tessuto? E se fossimo l'afflato stesso?

Possiamo scorrere attraverso le Pergamene come scorre la conoscenza, essendo acqua, oppure siamo quel miscuglio di sedimenti marini che si raduna al margine?

Immagina, di nuovo, ma in modo diverso. Un uccello che vola nel vento viene sollevato da una raffica e abbattuto da una pietra. Ma può la pietra arrivare dall'alto, se l'uccello è a testa in giù?

E da dove, allora, è giunta la raffica? E con quale direzione? Sono stati entrambi inviati dagli dei, oppure è stato l'uccello a decretare la loro esistenza, con un atto della propria volontà?

La visione onnicomprensiva delle Pergamene crea una nuova prospettiva per la mente, tale da rendere ogni posizione relativa assoluta nel suo primato.

Ti chiedo ancora di immaginare per me. Questa volta sei sottoterra, una piccola ghianda piantata per diletto da qualche fanciulla elfica dei boschi. Vuoi crescere, ma temi ciò che potresti diventare, perciò respingi l'acqua, la terra e il sole, sperando di restare nella tua buca. Ma è proprio così facendo che diventi un albero, contro la tua volontà. Com'è potuto accadere?

La ghianda in questo caso è una sorta di uovo d'albero, mentre la conoscenza è il sole e l'acqua. Noi siamo il pulcino nell'uovo e, insieme, la terra. La conoscenza delle Pergamene è ciò contro cui lottiamo per divenire pienamente coscienti di noi stessi.

Un'immagine finale, prima che la tua mente si chiuda dinanzi al trauma dell'onniscienza. Ora sei una fiamma dalla luce azzurra, che brucia nel vuoto. Nel tempo vedi i tuoi fratelli e le tue sorelle, che bruciano nella distanza e accanto a te.

Un mare di punte di spillo, una costellazione di memorie. Ognuna brucia vivida per poi spegnersi. Altre due prendono il suo posto, ma non per molto, affinché il nulla non si riempia di luce rancida che risucchia i pensieri.

Ognuna delle nostre menti è in realtà il vuoto e ciò che apprendiamo dalle Pergamene costituisce le punte di spillo. Senza la loro luce lancinante, la mia coscienza sarebbe solo un vuoto senza limiti, senza nemmeno consapevolezza della propria vacuità. Ma le fiammelle sono pericolose e devono essere accudite con cura, perché permangano e diano vita a loro simili.

ApparizioniModifica

Bethesda SoftworksQuesto libro è tratto dalla serie di videogiochi The Elder Scrolls o da siti creati e di proprietà di Bethesda Softworks, e il copyright appartiene a Bethesda Softworks. Tutti i marchi e marchi registrati presenti sono di proprietà di Bethesda Softworks, e la loro inclusione non implica affiliazione con The Elder Scrolls Wiki. L’uso di tali immagini è considerato ricadere sotto le norme del fair use della legge sul copyright.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.