FANDOM



Quotebg2
"Le Terre di Cenere sono secche desolazioni inospitali che circondano i pendii inferiori della Montagna Rossa. Le Terre di Cenere si estendono fino al Mare di Fantasmi a nord, e altrove formano un ampio margine tra la regione della Montagna Rossa afflitta dalla Piaga e le altre regioni geografiche."
―Anonimo[src]

Sfondo

Le Terre di Cenere di Vvardenfell sono una delle nove regioni in cui è suddivisa l'isola. Del tutto inospitali, sono l'habitat di alcune fra le più pericolose creature di Vvardenfell. La Casata Redoran ha la città di Ald'ruhn come capitale distrettuale sull'isola.

Nel gioco

Descrizione

Geografia

Con il termine Terre di Cenere ci si riferisce a vaste regioni coperte di cenere, punteggiate da vulcani e spazzate da tempeste di sabbia. Esempi di terre di cenere sono la regione di Stonefalls o ancora la parte meridionale di Solstheim a seguito dell'Anno Rosso. Le Terre di Cenere di Vvardenfell sono la regione che circonda il grande vulcano Montagna Rossa, che occupa il centro dell'isola. La città di Ald'ruhn sorge al limitare delle Terre di Cenere, vicino al West Gash a ovest. Venne costruita intorno al carapace di un colossale Granchio Imperatore chiamato lo Skar. È anche la capitale della Grande Casata Redoran su Vvardenfell. Nell'interno della regione si trova la città di Maar Gan, una colonia mineraria della Casata. La tribù di nativi Urshilaku ha un accampamento sulla costa settentrionale delle Terre di Cenere, lungo lo Stretto di Sheogorad. Il Ghostgate è una fortezza che protegge Vvardenfell dai pericoli provenienti dalla cima della Montagna Rossa.

Storia

Seconda Era

Articolo principale: Terre di Cenere (Online)

Nel 2E 583, nel corso dell'Interregnum, la città di Ald'ruhn era solo un grande accampamento di nativi delle Terre di Cenere situato lungo la Foyada Drura. Venne fondato da un gruppo di nativi e membri della Casata Hleran quando sconfissero un colossale Granchio Imperatore di nome Skar, utilizzando la potente lancia chiamata Calderas. Il villaggio era sotto l'amministrazione dell'Ashkhan Conoon Chodala e delle due Sagge Donne Dovrosi e Asani. Chodala, a un certo punto, entrò in possesso di un antico artefatto detto Sunna'rah. Si trattava di un dispositivo creato da Sotha Sil, un dio del Tribunale, e, sotto un'influenza ignota, Chodala cominciò a credere di essere il Nerevarine della Profezia. Radunò, così, gli Esuli Rossi, un gruppo di nativi esiliati, e cominciò a imporre la propria volontà sulle altre tribù di Vvardenfell. Sua sorella Seryn e uno straniero chiamato Vestige lo condussero a Sotto-Skar per mostrargli la verità e le conseguenze delle sue azioni. Chodala, però, decise di ignorare gli avvertimenti dei precedenti Incarnati falliti, e fuggì nelle rovine di Kaushtarari, ove morì per mano del Vestige[1][2][3].

Nei medesimi anni, un Dunmer di nome Drelyth Hleran giunse all'accampamento di Ald'ruhn per trovare la propria tomba ancestrale nelle Terre di Cenere. Chiese al Vestige di aiutarlo a venire accettato nella tribù. L'eroe, quindi, si recò ai Santuari dedicati alle quattro tribù di Vvardenfell, e parlò con la Saggia Donna Asani e con Farseer Kuamta. Indirizzato da Asani, il Vestige trovò la Tomba Ancestrale Hleran nel bacino lavico della Foyada Drura. All'interno della tomba incontrò lo spirito di Dranoth Hleran, che gli raccontò la storia della fondazione di Ald'ruhn e della morte di Skar, il Granchio Imperatore. L'accampamento era stato fondato dai nativi delle Terre di Cenere di Vvardenfell e dai membri della Casata Hleran. Dranoth usò la leggendaria lancia Calderas per uccidere la bestia, e i nativi si insediarono intorno al suo carapace. Con queste informazioni, Drelyth venne accettato nell'insediamento, e altre persone vennero ad abitarvi. Tempo dopo, l'accampamento crebbe fino a diventare la grande città di Ald'ruhn[4].

Terza Era

Articolo principale: Terre di Cenere (Morrowind)

Nel 3E 414, il Territorio di Vvardenfell del Tribunale era sotto la protezione Imperiale, in virtù del Trattato dell'Armistizio. Non erano presenti insediamenti, ad eccezione delle città costruite dalle Grandi Casate di Morrowind, come Balmora e Sadrith Mora. Quell'anno, Re Athyn Llethan di Mournhold revocò il bando del Tempio al commercio e alla costruzione di insediamenti a Vvardenfell. L'accampamento di Ald'ruhn era divenuto una grande città sotto il controllo della Casata Redoran, e il carapace di Skar veniva utilizzato come distretto residenziale. A nord era sorta la città di Maar Gan, e nei pressi si trovava il punto di riferimento di Bal Isra. Ald'ruhn era governata dalla Padrona Brara Morvayn e dal Consiglio Redoran di Vvardenfell. La roccaforte Imperiale di Buckmoth sorgeva a sud della città, vicino alle rovine di Ramimilk.[5].

Posizioni

Punti di riferimento

Galleria

Nel gioco

In The Elder Scrolls III: Morrowind


Le Terre di Cenere sono le aride e inospitali regioni che circondano la Montagna Rossa a nord e ovest. La regione è popolata da varie tribù Dunmer, e, ai limiti occidentali, sorge la città Casata Redoran di Ald'ruhn. Le Terre di Cenere sono un ambiente ostile alla vita, ma alcune creature sono riuscite ad adattarsi al clima e al terreno secco, come i guar, i nix-hound, i rapaci delle rupi e gli Alit. Anche alcune piante, come la radice amara e la patata di cenere, riescono a fiorire nell'area. I nomadi che abitano la regione sono chiamati nativi delle Terre di Cenere. L'attività vulcanica della Montagna Rossa scatena spesso violente tempeste di sabbia, e la Piaga è assai diffusa.

Posizioni

Panorama Terre di Cenere

Panorama delle Terre di Cenere.

Tombe Ancestrali
Insediamenti
Accampamenti
Caverne
Rovine daedriche
Rovine Dwemer
Fortezze
Miniere
Torri

In The Elder Scrolls Online


Le Terre di Cenere sono una regione del Vvardenfell settentrionale.

Posizioni

Apparizioni

Riferimenti

  1. The Grave of Skar
  2. Dialogo con Dranoth Hleran
  3. Eventi di Divine Delusions
  4. Eventi di Ancestral Ties
  5. Eventi di The Elder Scrolls III: Morrowind
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.