FANDOM



DescrizioneModifica

The Elder Scrolls VI è il sesto titolo, prossimo all'uscita, della serie principale del franchise The Elder Scrolls. All'E3 2018, è stato annunciato come un progetto maggiore che Bethesda Game Studios rilascerà dopo Starfield[2].

SviluppoModifica

All'E3 2016, nel corso di un'intervista con Geoff Keighley, Todd Howard dichiarò che "Sì, certamente [stiamo sviluppando Elder Scrolls VI]. E' qualcosa che amiamo. Ma — devo stare attento a quello che dico — è ancora molto lontano. [...] è qualcosa che impiegherà molto tempo, quello che abbiamo in mente per questo gioco".[3]

Durante la stessa intervista, Howard commentò: "In realtà stiamo lavorando anche a due altri grandi progetti, che sono più grandi di qualsiasi cosa abbiamo mai fatto. Le persone, probabilmente, ne sentiranno parlare prima ancora di Elder Scrolls VI".[3]

Il 9 Agosto 2016, Pete Hines asserì che The Elder Scrolls VI "non era in corso di sviluppo", chiarendo, il 18 Ottobre 2016, che "nessuno ci sta lavorando"[4]. Il 12 Agosto 2016 disse che "Non sentirete i primi dettagli [su Elder Scrolls VI] anni prima dell'uscita del gioco, assolutamente no".[5]

Durante un'intervista all'E3 2017, Pete Hines asserì che The Elder Scrolls VI era "lungo la strada". Continuò dicendo: "Per ribadire, ci sono almeno altri due titoli maggiori su cui stanno lavorando prima di poterci dedicare a Elder Scrolls VI. [...] Siamo abbastanza chiari, TES VI non è in corso di sviluppo".[6]

All'E3 2018, Todd Howard affermò, in un'intervista, che The Elder Scrolls VI era in fase di "pre-produzione", e non era ancora giocabile. Asserì anche che la tecnologia necessaria per il gioco si stava "avvicinando"[7].

Il 14 Giugno 2018, durante un intervista con Rooster Teeth, Pete Hines dichiarò che The Elder Scrolls VI sarebbe stato ambientato a Tamriel. Poco dopo, affermò che sarebbe stato rilasciato "più lontano di infine", considerando "infine" la data di uscita di Starfield[1].

Il 28 Giugno 2018, in un'intervista rilasciata a GameLab, Todd Howard dichiarò che il luogo ove si sarebbe svolto The Elder Scrolls VI era stato deciso "qualche tempo fa". Quando gli venne chiesto se sarebbe stato possibile indovinare l'ambientazione del gioco partendo dalle immagini del teaser trailer mostrato all'E3, Howard disse: "Ovviamente direi di sì... Puoi escludere alcune cose. E puoi determinare alcune cose. La prima cosa che facciamo è il mondo, quindi sappiamo da tempo dove è ambientato".[8]

Quando, durante un'intervista con Eurogamer l'8 Ottobre 2018, gli venne chiesto quando i fan avrebbero ricevuto maggiori informazioni su Starfield e The Elder Scrolls VI, Pete Hines dichiarò: "Fra poco tempo da ora e fra molto tempo da ora! Rispettivamente! [...] le tempistiche per i titoli di Bethesda Game Studios non sono cambiate. [...] Secondo le attuali tempistich, sarebbe circa quanto ti aspetteresti guardando da Fallout 3 a Skyrim, a Fallout 4, a Fallout 76. E' sempre questo lasso di tempo, che non è cambiato. O, almeno, non credo che cambierà, in base a quello che so".[9]

Il 29 Marzo 2019, in un video celebrante il 25° anniversario della serie Elder Scrolls, Bethesda rivelò che The Elder Scrolls VI avrebbe usato la tecnologia delle fotogrammetria per scansionare oggetti e persone reali da usare come risorse di gioco. Venne anche rivelato che l'82enne videogiocatrice e fan di Elder Scrolls Shirley Curry sarebbe stata aggiunta al gioco come NPC usando proprio quella tecnologia[10]

Il 4 Giugno 2019, in un'intervista a IGN, Todd Howard disse, riguardo a The Elder Scrolls VI: "Penso che tutti dovrebbero essere molto pazienti [...]. Il divario sarà lungo, lo è già. Da una parte, penso sia un bene che le cose ci manchino. Penso che questo faccia avvicinare le persone con occhi davvero nuovi. E penso che quando infine vedranno il gioco e cosa abbiamo in mente, capiranno di più il divario in termini di tecnologia e cosa vogliamo che faccia. L'unica cosa che fa è che le persone stanno ancora giocando a "Skyrim", è ancora uno dei giochi più venduti. So che le persone ci scherzano online, ma è uno dei giochi più venduti su Switch. Su qualsiasi cosa lo pubblichiamo, diventa un gioco di successo. E lo amano, ci giocano ancora, è quasi giocabile all'infinito, con tutte le mod e il resto. E siamo otto anni dopo-Skyrim. Ci fa capire che Elder Scrolls VI è un gioco che dobbiamo progettare in modo che le persone possano giocarci per almeno un decennio"[11]

VideoModifica

GalleriaModifica

RiferimentiModifica

  1. 1,0 1,1 Fallout 76: How to Play Solo + Changes to V.A.T.S. & S.P.E.C.I.A.L. + The Importance of Nukes
  2. #BE3 | 2018 Bethesda E3 Showcase - 6/10 alle 6:30pm PT
  3. 3,0 3,1 YouTube Live at E3 2016 - Full Livestream Archive
  4. Pete Hines su Twitter
  5. Bethesda: Elder Scrolls 6 non verrà rivelato prima che sia pronto al rilascio
  6. YouTube Live all'E3 2017: Giorno due, Conferenza Stampa PlayStation, Ubisoft
  7. Todd Howard su YouTube Live all'E3
  8. Sì, Todd Howard e il team hanno stabilito la regione di The Elder Scrolls 6
  9. Bethesda: tutte le console Next gen dovrebbero riguardare il crossplay
  10. Celebrazione dei 25 anni di The Elder Scrolls
  11. Todd Howard parla di Starfield, Elder Scrolls 6, Fallout 76, Terminator e altro! - IGN Unfiltered #43
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.