FANDOM


DescrizioneModifica

Il Thu'um, chiamato anche Voce della Tempesta o semplicemente la Voce, è una forma di magia che molti Nord e alcuni altri posseggono, la quale utilizza il Linguaggio dei Draghi per scagliare Urli di immenso potere. La parola stessa è l'esatta traduzione di "urlo" nell'idioma draconico. La maggior parte degli urli è formata da tre parole del potere.

StoriaModifica

IniziModifica

Alduin1

Alduin, il Divoratore del Mondo

Nelle prime ere di Nirn, gli unici esseri capaci di usare il Thu'um erano i draghi, i figli di Akatosh. Il Thu'um era parte del loro naturale linguaggio, e poteva venire utilizzato come arma. Essi abusarono di questo potere, usandolo per portare il caos tra le razze di uomini della tarda Era Meretica. Il leader dei draghi era Alduin, il Divoratore del Mondo, che si convinse di essere una divinità e reclamò il posto di suo padre Akatosh. Gli umani che adoravano i draghi formavano il Culto del Drago.

Ribellione degli uominiModifica

Kyne ebbe pietà degli uomini, e incaricò Paarthurnax, fratello minore di Alduin e suo luogotenente, di tradire i draghi e insegnare agli uomini la via della Voce. Gli uomini usarono quindi la Voce per combattere i draghi, in quella che divenne nota come Guerra dei Draghi. Gli antichi Nord crearono essi stessi un proprio urlo, Squarcio del Drago. Usarono dunque questo urlo, insieme a un'Antica Pergamena, per scaraventare Alduin attraverso le pieghe del tempo mettendo così fine all'era dei draghi.

Miraak e Hermaeus MoraModifica

Miraak, un Sacerdoti del Drago, scoprì di essere il primo Sangue di Drago. Tradì il suo ordine e si affidò al Principe Daedrico Hermaeus Mora per ricercare conoscenze proibite. Mora gli insegnò l'urlo Piega Volontà, un urlo unico capace di obbligare uomini e draghi ad obbedire ai suoi comandi. Usò questo urlo per creare un esercito, ma nella sua follia credette di poter sottomettere tutti i draghi. I draghi lo affrontarono, e la battaglia fu così violenta che strappò Solstheim da Skyrim, isolandola dal continente. Miraak venne quasi sconfitto, ma fu salvato da Hermaeus Mora. Il suo tempio venne distrutto e i draghi tornarono liberi dal suo dominio. Gli venne in seguito chiesto di aiutare a sconfiggere Alduin, ma rifiutò.

La conoscenza di Miraak crebbe così tanto che riuscì ad apprendere un urlo formato da quattro parole, anormale sia per i draghi sia per gli uomini.

Figli del CieloModifica

Il respiro e la voce sono l'essenza vitale di un Nord. Quando sconfiggono grandi nemici tagliano loro la lingua e la prendono come trofeo. Vengono intrecciate con delle corde e mantengono la parola come un incantesimo. Il potere di un Nord può essere articolato in un "urlo del drago", simile al kiai di uno spadaccino Akaviri. I più potenti fra i loro guerrieri sono noti come "Lingue". Quando i Nord attaccano una città, non hanno bisogno di cavalleria o macchine d'assedio; le Lingue formano un cuneo di fronte al cancello principale e prendono fiato. Quando viene lanciato i kiai, le porte vengono divelte, e i guerrieri armati di ascia sciamano all'interno della città. Gli urli possono essere usati per affilare lame o colpire i nemici. Un esempio comune è l'urlo che spazza via i nemici, o il potere del comando. Un potente Nord può instillare coraggio fra i suoi uomini con il suo grido di battaglia, o bloccare un nemico in carica con un ruggito. I più grandi fra i Nord possono chiamare persone specifiche a distanza di centinaia di miglia, o spostarsi lanciando un urlo e apparendo ove l'urlo si ferma.

I Nord più potenti non possono parlare senza causare distruzione. Devono girare imbavagliati e comunicare con un linguaggio dei segni o scrivendo rune. Tuttavia, durante la Guerra delle Tre Bandiere, i Nord di Skyrim fecero uso di trabucchi e baliste, il che significa che dalla Seconda Era smisero di usare gli urli come arma da guerra.

Re WulfharthModifica

Re Wulfharth era un Sangue di Drago e un maestro del Thu'um. Si narra che il suo Thu'um fosse così potente da impedirgli di comunicare verbalmente durante le sue mansioni, e venissero usati scribi per stilare i suoi discorsi. Apprese gli urli osservando le battaglie in cui veniva usato il Thu'um.

Creazione dei BarbagrigiaModifica

Arngeir

Arngeir, potente Barbagrigia

Nel corso del tempo, gli uomini iniziarono ad abusare del potere della voce. Invece di usarla come forma di preghiera o per l'autodifesa la utilizzarono come una semplice arma. Jurgen Windcaller fondò i Barbagrigia alla Gola del Mondo, e insegnò agli uomini ad usare il Thu'um come forza di pace e di illuminazione; questi insegnamenti sono il punto focale del codice dei Barbagrigia. Molti Barbagrigia avevano un Thu'um così potente da essere capaci di causare immani distruzioni con una semplice frase.

Tiber SeptimModifica

Il futuro Imperatore dell'Impero Septim, Tiber Septim, conosciuto anche come Generale Talos, era un Sangue di Drago inziato all'uso della voce da Re Wulfharth. Scalò la Gola del Mondo e entrò a Hrothgar Alto. I Barbagrigia gli dissero che era il prescelto, colui che avrebbe sconfitto gli Elfi e sarebbe divenuto Imperatore dell'intera Tamriel.

Ulfric Manto della TempestaModifica

Ulfric Manto della Tempesta era uno Jarl di Windhelm, che venne istruito dai Barbagrigia all'uso della voce. Poco a poco abbandonò la filosofia pacifista dei Barbagrigia, e la usò in combattimento durante l'Incidente di Markarth e contro il Re dei Re Torygg.

In The Elder Scrolls V: Skyrim, tuttavia, Ulfric assicura al Sangue di Drago di non prendere il Thu'um con leggerezza, anche se ciò sembra contrastare con la sua filosofia.

L'ultimo Sangue di Drago e AlduinModifica

Un eroe chiamato Ultimo Sangue di Drago fa il suo ingresso nella Storia nelle vesti di un prigioniero prossimo all'esecuzione nella cittadina di Helgen, nel 4E 201. Appena prima che abbia luogo l'esecuzione, Alduin, il Divoratore del Mondo, fa la sua comparsa dopo il suo viaggio attraverso il tempo e devasta la città. Ciò consente all'eroe di fuggire.

L'ultimo Sangue di Drago uccise poi il drago Mirmulnir e scoprì di poter assorbire le anime dei draghi. Usò quindi il Thu'um e venne chiamato dai Barbagrigia, che urlarono "Dovahkiin".

Il Sangue di Drago si recò a Hrothgar Alto, dove venne addestrato dai Barbagrigia. Iniziò poi una lunga missione per scoprire come sconfiggere Alduin e evitare la fine del mondo.

Una volta scoperto come sconfiggerlo, il Sangue di Drago ottenne l'accesso a Sovngarde, ove uccise Alduin in un'ultima, grande battaglia.

L'Ultimo Sangue di Drago e MiraakModifica

A un certo punto, l'Ultimo Sangue di Drago cadde in un'imboscata tesa da alcuni cultisti inviati da Miraak. Dopo aver investigato ed essere giunto su Solstheim, il Sangue di Drago scoprì chi era Miraak e come i loro due destini erano intrecciati.

Completate varie missioni per gli Skaal e Hermaeus Mora, l'Ultimo Sangue di Drago apprese l'Urlo Piega Volontà, grazie al quale purificò le pietre del Grande Creatore liberando Solstheim dall'influenza di Miraak. Dopodiché si recò ad Apocrypha per sconfiggerlo definitivamente. Durante tutto ciò il Thu'um venne usato più volte, compreso un anomalo urlo formato non da tre ma da quattro parole.

ApprendimentoModifica

Il Thu'um può essere insegnato in molti modi a uomini, elfi e razze bestiali. I Sangue di Drago imparano il Thu'um molto più velocemente.

AllenamentoModifica

Mentre il Thu'um può essere facilmente imparato dai Sangue di Drago, le persone normali necessitano di molto più tempo. Ulfric Manto della Tempesta si allenò circa dieci anni con i Barbagrigia per apprendere la Voce.

Muri del PotereModifica

Le parole del potere possono essere imparate dai Muri del Potere presenti in tutta Tamriel. Spesso ogni muro contiene una parola, e può essere usato solo da chi ha conoscenza del Thu'um.

Passaggio di conoscenzaModifica

La conoscenza degli Urli e delle parole del potere può essere tramandata da una persona all'altra, come dimostra il caso dei Barbagrigia.

Utilizzatori noti: le LingueModifica

DraghiModifica

PersoneModifica

BarbagrigiaModifica

ApparizioniModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.